Peperoncino di Cayenna, coltivazione, conservazione e proprietà benefiche

Il peperoncino di Cayenna fa parte della famiglia delle Capsicum annuum, e il suo nome deriva da una città della Guyana francese che si chiamava Cayenna.

Questa qualità di peperoncino è molto utilizzata in cucina, per la preparazione di prodotti naturali destinati al benessere o alle cure naturali, e come condimento sia sott’olio sia essiccato.

Il peperoncino di Cayenna ha una piccantezza media infatti nella scala Scoville questa è quotata tra le 30 e le 50 mila unità.

Questa qualità di peperoncino ha iniziato a diffondersi verso i primi del ‘500, dopo la conquista delle Americhe, quando questo insieme ad altri beni alimentari erano tra i beni più commercializzati, anche verso le Indie.

Il suo uso aumentò in particolar modo, quando venne impedito il passaggio al Mar Rosso, dopo la presa di Costantinopoli, dei prodotti dell’est tra i quali il peperoncino asiatico.

Oggi il peperoncino di Cayenna è prodotto in diverse zone in tutto il mondo, i principali esportatori sono però: il Messico, il Brasile, la Guyana Francese, l’Africa Occidentale, l’India, l’Indonesia, il Vietnam e la California.

Coltivazione peperoncino di Cayenna

Come coltivare il peperoncino di Cayenna?

Grazie alla sua resistenza e al suo essere una pianta perenne se coltivata in zone sub tropicali e tropicali, e annuale invece nei climi mediterranei come l’Italia, questa qualità di peperoncino è molto semplice da coltivare.

Il peperoncino di Cayenna può essere coltivato sia nel Meridione sia nelle regioni settentrionali, in queste zone però dove il clima è più freddo si consiglia di optare per la coltivazione in vaso, che permette di proteggere le piante da gelate e intemperie.

Questa qualità di peperoncino dunque riesce a sopravvivere anche all’inverno, continuando a produrre frutti durante il periodo estivo, solo se viene protetto in modo adeguato dal freddo e potato correttamente dopo la fruttificazione.

Per la coltivazione del peperoncino di Cayenna in vaso, innanzi tutto devi procurarti i suoi semi oppure una piantina da mettere a dimora.

In entrambi i casi, si deve iniziare a coltivare il peperoncino di Cayenna, alla fine di marzo nell’Italia meridionale, verso fine aprile o maggio nell’Italia settentrionale.

Una volta piantato i primi frutti iniziano a uscire verso l’inizio dell’estate, ma per la completa maturazione ci vogliono all’incirca 100 giorni, quindi li si potrà raccogliere tra la seconda metà di agosto sino a metà settembre.

Il terreno per la coltivazione del peperoncino Cayenne dev’essere umido, ricco di Sali minerali e se lo si coltiva in vaso si consiglia di eliminare l’eccesso di umidità ponendo alla base dell’argilla espansa.

Durante la crescita della pianta si consiglia di utilizzare anche del concime per permettere a questa di crescere più forte e dare un numero di frutti maggiore. Il miglior concime è quello a base di Sali minerali come l’azoto.

In un buon terriccio ricco di componenti minerali, le piante sono in grado di raggiungere anche i 120 centimetri d’altezza, per questo motivo spesso per la coltivazione in vaso si deve porre un impianto di supporto.

Conservare peperoncino Cayenna

Il peperoncino di Cayenna una volta raccolto può durare a lungo, perché è possibile conservarlo in diversi modi, e utilizzarlo poi in cucina durante tutti i mesi invernali e primaverili.

Se sei un appassionato del peperoncino fresco, il consiglio è di congelarlo all’interno del freezer. Per congelarlo in modo idoneo prendi i peperoncini e ponili all’interno di una busta per il freezer.

Quando li devi utilizzare, basterà uscire i peperoncini che ti servono un’ora prima di consumarli o utilizzarli per cucinare.

Un metodo molto utilizzato per conservare il peperoncino è sott’olio. Per conservarlo sott’olio puoi scegliere o di porli interi nel barattolo di vetro oppure tagliati a pezzi.

Sia che tu li voglia conservare interi sia a pezzi, per metterli sottolio la prima cosa che devi fare e staccare i peperoncini a uno a uno, metterli in uno scolapasta con del sale e lasciarli lì un paio di giorni, fino a quando non perdono buona parte dell’acqua.

Ora devi prendere dei barattoli di vetro e mettere i peperoncini al suo interno interi o a pezzi, infine versa l’olio d’oliva oppure l’olio di semi sino a ricoprirli del tutto e infine chiudi il barattolo.

Il peperoncino per durare a lungo può essere anche essiccato. In questo caso, ti consiglio di prendere i mazzetti di peperoncini interi legarli e lasciarli essiccare nel tempo, appendendoli in una zona asciutta e non umida.

Infine, puoi conservare i peperoncini di Cayenna tritandoli. In questo caso, devi prima far essiccare i peperoncini al sole oppure appendendoli.

Una volta essiccati con un robot da cucina li puoi tritare e poi conservare in barattoli di vetro o in una bustina di plastica. Se usi un macina caffè puoi ottenere anche una polvere di peperoncino piccante

Proprietà nutrizionali del Peperoncino di Cayenna

Il peperoncino di Cayenna non è solo ottimo per cucinare ma presenta delle interessanti proprietà nutrizionali.

Questo peperoncino infatti è molto ricco di vitamine tra le quali troviamo: la B6, la E, la C e la A. Tutte queste vitamine rafforzano le difese immunitarie, ma migliorano anche lo stato di benessere generale.

Oltre alle vitamine, si trovano nel peperoncino diversi sali minerali come: il potassio, il manganese e la riboflavina. Tra gli alcaloidi contenuti all’interno del peperoncino si trova poi la capsaicina che dà il senso di piccantezza, ma che migliora anche l’ossigenazione e il flusso del sangue.

Usi del peperoncino di Cayenna

Il principale uso del peperoncino di Cayenna è in cucina per preparare piatti piccanti sia a base di carne sia di pesce, che di pasta o verdure.

Questo peperoncino può essere utilizzato sia in polvere, sia fresco che sott’olio oppure si può creare una salsa unendo a questi l’aceto e lo zucchero.

Il peperoncino di Cayenna è molto usato nella cucina orientale, ma anche in quell’occidentale e principalmente nella cucina mediterranea.

Oltre che in cucina, grazie alle sue caratteristiche nutrizionali, il peperoncino di cayenna viene impiegato in campo erboristico e come ingrediente per rimedi di cura naturale.

Il peperoncino di Cayenna può essere utilizzato infatti per lenire flatulenza e dolore allo stomaco, per migliorare la circolazione sanguigna, per eliminare i dolori artritici e reumatici per eliminare il dolore alla gola e al collo.

Come ingrediente, il peperoncino è utilizzato anche per combattere i chili di troppo, quindi come componente delle pillole dimagranti.

Curiosità sul peperoncino di Cayenna

Si tratta di un peperoncino molto diffuso negli Stati Uniti, pensate che le coltivazioni mondiali di questa pianta vengono effettuate all’80% qui. Viene utilizzato principalmente per la realizzazione di salse piccanti.

Spesso si parla di pepe di cayenna ma è un termine improprio. Non si tratta infatti di pepe ma di peperoncino rosso lasciato essiccare e poi tritato. Viene trasformato in polvere e usato appunto per insaporire diversi piatti in cucina.

Leave a Reply