Tabasco (Salsa)

Tabasco: storia e origini

Il Tabasco è una salsa piccante a base di peperoncino. La salsa tabasco è prodotta con i frutti dell’omonima coltivazione appartenente alla specie Capsicum Frutescens.

Il nome Tabasco, inizialmente Tobasco, deriva dallo stato del Messico da cui si pensa provengano i peperoncini con cui viene prodotta dal lontano 1868.

La storia racconta che poco prima della guerra civile, il colonnello White suggerì ad un amico una salsa di peperoncini, il suo amico, Edmund McIlhenny, iniziò a produrla nella sua piantagione, ad Avery Island, 140 miglia ad ovest di New Orleans.

Dal 1870 la McIlhenny Company detiene il marchio Tabasco Sauce.

La produzione della salsa Tabasco

Sono necessari circa 5 anni dal momento della semina alla messa in mercato dell’iconica bottiglietta di tabasco, distribuita in quasi 160 paesi al mondo.

La superficie di Avery Island non è sufficiente per rispondere alla richiesta mondiale del prodotto, per questo alcune piantagioni si trovano in America Centrale, in Colombia e in Africa.

La produzione del Tabasco è molto artigianale, i peperoncini devono raggiungere un preciso stato di maturazione per garantire il gusto giusto alla salsa, per questo motivo vengono raccolti da operai che ne certificano il livello di maturazione aiutandosi con dei bastoncini (le petit bâton rouge) tinti con la corretta gradazione di rosso.

I peperoncini, una volta raccolti, vengono macinati e spediti il giorno stesso allo stabilimento che si occupa della produzione in Louisiana, qui vengono mescolati con il sale e lasciati invecchiare all’interno di barili di legno di quercia per tre anni. Il contenuto di un barile è sufficiente per produrre 10.000 bottigliette.

La ricetta del Tabasco

Come preparare il Tabasco in casa

Purtroppo non è possibile conoscere con esattezza la ricetta segreta della salsa Tabasco in quanto custodita segretamente dalla McIlhenny Company che ne possiede il brevetto dal 1970.

E’ possibile però creare artigianalmente una salsa molto simile al tabasco, grazie alla conoscenza degli ingredienti, tuttavia è impossibile raggiungere lo stesso gusto senza conoscere il dosaggio degli ingredienti e senza dedicare lo stesso tempo di macerazione dei peperoncini.

  • 600 g. di peperoncini freschi maturi
  • 20 cl di aceto di vino bianco
  • 2 cucchiai di sale grosso

Pulite i peperoncini dai gambi, tritateli con i semi e mescolate la poltiglia con il sale, versate il composto in un barattolo coperto con un tovagliolo e lasciare macerare almeno un mese ( la ricetta originale richiede 3 anni).

Una volta terminata la macerazione aggiungete l’aceto e lasciare riposare il prodotto per una settimana, dopo la quale dovrete filtrare la salsa utilizzando un colino. Imbottigliate e conservate in frigorifero.

Se volete preparare una salsa simile al tabasco in poche ore, per una festa o un’occorrenza particolare, ecco una ricetta per preparare il tabasco in casa.

Ingredienti:

  • 150 g di peperoncini tritati secchi
  • 250 ml di aceto di vino bianco
  • 1/2 cucchiaino di sale fino

Utilizzate un frullatore per mescolare peperoncini, sale e aceto, frullate tutto per almeno 2 minuti.

Utilizzate una garza sterile per filtrare il composto, conservate in una bottiglia di vetro in frigorifero.

Varietà di Tabasco

Probabilmente vi sorprenderà scoprire che l’azienda produttrice del tabasco, la McIlhenny Company, oltre alla classica bottiglietta, conosciuta in tutto il mondo e rimasta invariata negli anni, da un pò di tempo ha introdotto sul mercato alcune varianti della salsa più classica a base di peperoncino.

La salsa Tabasco Habanero (realizzata con la specie Habanero) è una versione più piccante molto apprezzata dagli amanti di questo gusto.
La piccantezza di questa salsa raggiunge le 12.ooo unità Scoville. La salsa Habanero è molto utilizzata con il pesce e le carni bianche.

Una variante molto meno piccante è la salsa Tabasco Jalapeno o Tabasco verde, realizzata con i peperoncini Jalapeno, molto apprezzati per il gusto deciso e la piccantezza moderata, la salsa, dal gusto fresco ma intenso, è ideale con pesce, verdure e carne bianca. La salsa verde ha una piccantezza di 800 SHU.

C’è poi la Salsa Tabasco Chipotle, dal gusto affumicato, ideale per condire carni cotte al barbecue o marinate.
La sua piccantezza è di 2500 SHU sulla scala di Scoville.

Molto apprezzata, soprattutto in Oriente, è la salsa Tabasco Sweet e Spicy, una salsa molto leggera, solo 500 SHU di piccantezza, nata dall’unione della salsa classica con lo zucchero.

Infine la salsa Tabasco Buffalo, l’ultima in ordine di creazione, diffusa solamente in Europa, viene utilizzata per umidificare le ali di pollo prima della cottura, molto apprezzata grazie alla piccantezza moderata (2500 SHU).

Gli usi del Tabasco in cucina

Il Tabasco è una salsa molto apprezzata in cucina per il gusto moderatamente piccante e per la sua nota acida conferita dall’aceto e dalla fermentazione in botti a cui è sottoposta.

La salsa Tabasco è utilizzata molto nella cucina italiana per condire la carne ma anche per aromatizzare l’insalata oppure come insaporitore all’interno di tramezzini e panini.

Un uso meno conosciuto di questa salsa è nella preparazione del Bloody Mary, il famoso cocktail con tabasco.

I benefici del Tabasco

I benefici e le proprietà nutritive della salsa Tabasco derivano dall’omonimo peperoncino con cui viene realizzata.

I flavonoidi e i capsainoidi, presenti in questo frutto, hanno un effetto antibatterico. I peperoncini Tabasco sono ricchi di vitamina c oltre che di principi attivi che contrastano l’aumento del peso, per tale motivo sono spesso consigliati in una corretta alimentazione.

A questi peperoncini è stata riconosciuta anche una funzione antiossidante e antitumorale, sono inoltre molto utili per curare la bronchite e il raffreddore.

 

 

 

 

Leave a Reply